Coordinamento Provinciale

NUOVO DIRETTIVO COORDINAMENTO RIMINI 2020

Competenze – Organigramma – Codice Etico – Regolamento

 

COMPETENZE ORGANIZZATIVE DEL DIRETTIVO

Presidente                             CARLO ZECCHIN
Rapporti con l’esterno, privati e con le Istituzioni.

 

Vice Presidente                     MICHELE STABELLINI

Referente gruppi nautici e subacquei.

 

Segretaria                              PAOLA BASTONI

Collaborazione con la presidenza, redazione dei verbali delle riunioni ed avvisi.

 

Economo                               PAOLA SERRA

Contabilità bilanci.

 

Consigliere                             FABRIZIO CENERELLI

Referente per la formazione.

 

Consigliere                             ALESSANDRO DONATI                     

Referente emergenze.

 

Consigliere                             MARCO STEFANO DUCA

Referente telecomunicazioni e Sala Operativa..

 

Consigliere                             MAURIZIO CARAPELLI

Referente Alta Valmarecchia

 

Consigliere                             ELENA CASTIELLO

Referente Valconca

 

 

ORGANIGRAMMA

COLLABORATORI E COMPETENZE

Collaborazione con la Segreteria

  • Antonio Mura
  • Domenico Innocenti

Segreteria Operativa – Emergenza

  • Antonio Mura
  • Domenico Innocenti
  • Paola Bastoni

Sala Operativa

  • Mirco Filippi
  • Marco Duca
  • Antonio Tondi
  • Stefano Macrelli
  • Fabrizio Cenerelli

 

 Formazione

  • Fabrizio Cenerelli                                Referente
  • Gilberto Garattoni                                Segreteria Formazione
  • Andrea Cecchini                                 Tutor
  • Rosario Città                                       Tutor
  • Alfredo Paganelli                                Formatore Sicurezza – sostituto Referente
  • Rosalinda Menga                                    Formatore sicurezza
  • Sauro Gobbi                                      Formatore sicurezza
  • Davide Spagnoli                                 Formatore sicurezza

 Sanità

  • Elena Castiello
  • Rita Rolfo

Referenti Parco Automezzi

Mezzi leggeri

  • Valter Lazzari

Mezzi pesanti

  • Gianluca Morri

Referente DPI – logistica Interna

  • Alessandro Soldati

Referente Attrezzature

  • Danilo Ronchi

Collaboratori Logistica interna – Mezzi – Attrezzature

  • Roberto Guerrini
  • Roberto Pelliccioni
  • Claudio Depaoli
  • Angelo Comuniello
  • Riccardo Crescentini
  • Edoardo Feligioni
  • Mirco Filippi
  • Alessandro Donati

Referente colonna mobile, piani di carico

  • Davide Tagliani

Responsabile Officina mobile e Coordinamento

  • Decio Maria Quondamatteo

Responsabili manutenzione impianti elettrici

  • Antonio Garattoni
  • Enzo Natali
  • Marco Migani

Responsabili manutenzione impianti idraulici

  • Rosario Città
  • Massimo Bertacchini

Gestione Sala riunioni, cucina fissa, vestiario, attività extra PC

  • Pierantonio Semprini

Responsabili attrezzatura cucina

  • Daniela Ferrari
  • Gabriella Fronzoni

Referente Cucina

  • Tommaso Rillo

Collaboratori Cucina

  • Renato Casali
  • Salvatore Frisoni
  • Pierantonio Semprini

Approvvigionamenti alimentari

  • Paola Serra
  • Tommaso Rillo

Referenti Cinofili

  • Davide Faggi
  • Andrea Brighi

Referente Volo Ultraleggero

  • Antonio Vagnetti

 

 

 

CODICE ETICO

 

È sempre più sentita, da parte delle organizzazioni, l’esigenza di poter far riferimento ad un’etica del volontariato, fatta non solo di gratuità, ma anche di uno stile di comportamento che deve valere in modo omogeneo per tutte le organizzazioni.

Anche quando ci si occupa di emergenze deve esserci correttezza, rispetto della legalità, trasparenza di comportamenti, rispetto del contesto in cui si opera, coerenza morale e rispetto dei valori e della dignità personale.

Chi  si  avvicina  all’impegno del  volontario  deve  sapere  cosa  gli  è  permesso  e  cosa deve  poter garantire.

Onestà e correttezza.

Sono i principi  fondamentali  di  riferimento a cui tutti i volontari devono attenersi e costituiscono un valore essenziale nella gestione organizzativa. I rapporti fra i vari soggetti devono essere improntati da criteri e comportamenti  di  correttezza, coniugati da un profondo rispetto sia delle persone, che del sistema in cui la persona si trova.

Legalità.

Il  rispetto  delle leggi e dei regolamenti interni è un principio dal quale  non  si può prescindere in nessun caso.  La  rilevanza  di  fatti  contrari  alle  leggi   va    segnalata  ai  diretti  responsabili  delle  organizzazioni.

Imparzialità e democraticità.

Va garantito a qualsiasi livello il rispetto del principio di parità di trattamento evitando qualsiasi discriminazione basata su: nazionalità, sesso e/o orientamento sessuale, origine etnica, razza e origine sociale, appartenenza politica e credo religioso, caratteristiche di lingua e di cultura. Anche il rapporto interpersonale deve essere sempre improntato al rispetto reciproco e al  trattamento paritario fra i generi. Sono sempre da ricercare  rapporti  di collaborazione con atteggiamenti  inclusivi, consci del fatto che il buon risultato è sempre frutto di un lavoro di squadra.

Responsabilità e riservatezza.

È dovere di tutti gli associati mantenere riservate le notizie e le informazioni appresi nell’esercizio delle proprie attività compresi quelli concernenti i dati personali. È diritto di tutti gli associati rivendicare il rispetto del diritto alla riservatezza, del diritto all’identità personale e della dignità degli interessati, rientrando  queste  materie  nella  sfera  della tutela delle libertà  personali  costituzionalmente  garantite.

Corretto utilizzo dei beni e dei loghi.

I documenti, gli strumenti di lavoro, le attrezzature, i mezzi ed i beni materiali ed immateriali devono essere utilizzati esclusivamente per i fini istituzionali e statutari con le modalità stabilite dai regolamenti. Non possono essere utilizzati per fini personali né essere trasferiti o messi a disposizione di terzi, salvo l’applicazione di specifiche disposizioni.

Sono utilizzati e custoditi con la medesima diligenza di un bene proprio e con l’osservanza ai criteri di economicità e sostenibilità ambientale.

La  divisa e  i  loghi sono identificativi  non del singolo, ma  di una associazione e di un sistema, per questa ragione vanno usati con responsabilità e rispetto, impedendone ogni abuso per tutelare il nome dell’associazione.

Rapporto coi mass-media.

Consapevoli che informazioni diffuse anche in buona fede possono essere distorte o manipolate, che convinzioni o dichiarazioni personali possono essere interpretate come appartenenti all’associazione, è vietato al volontario, che non ne abbia titolo, il rilascio di interviste a soggetti terzi, l’organizzazione di conferenze stampa o la pubblicazione di testi o articoli relativamente ad attività o materie rientranti nei compiti e nelle finalità istituzionali e statutarie.

Solo i soggetti  incaricati sono, in via esclusiva, gli  organi  titolati a gestire  i  rapporti con organi di  stampa o di comunicazione    di    qualsivoglia  natura, secondo  il criterio di competenza stabilito dalle associazioni.

 

REGOLAMENTO

 

  • Il Direttivo si riunirà tutte le volte che se ne ravviserà la necessità.
  • Disponibilità da parte dell’esecutivo, su richiesta delle Associazioni, di presenziare alle riunioni.
  • Disponibilità dell’esecutivo di indire assemblee generali nell’anno, quando se ne ravviserà la necessità
  • Disponibilità del Direttivo per incontri tecnici con i Referenti e Collaboratori almeno trimestralmente.

USO DEGLI AUTOMEZZI

  • L’utilizzo degli automezzi è consentito per attività di Protezione Civile come previsto dal contratto di comodato d’uso con la Regione Emilia-Romagna, in attesa di ulteriori precisazioni da parte della Regione stessa.
  • E’ consentito l’uso degli automezzi alle Associazioni aderenti al Coordinamento purchè ne facciano richiesta scritta, indirizzata al Presidente e ne indichino lo scopo. Previa autorizzazione del Consiglio Direttivo può essere consentito l’uso dei mezzi da parte delle Associazioni per periodi limitati. Resta inteso che responsabilità dei mezzi e dei costi di viaggio saranno a carico dell’Associazione richiedente.

 

MATERIALI E ATTREZZATURE

  • I responsabili dovranno tenere in ordine e funzionanti i materiali e le attrezzature.
  • Le attrezzature e i materiali dati in consegna devono essere registrati, in modo dettagliato, su bolla di consegna previa firma per ricevuta.
  • Mediante autorizzazione del Presidente è consentito l’uso delle attrezzature alle Associazioni che aderiscono al Coordinamento, purchè ne facciano richiesta scritta indicandone lo scopo e comunque ad uso esclusivo per attività di Protezione Civile.
  • Per altre Associazioni o Enti l’autorizzazione sarà rilasciata dal Direttivo o dalla proprietà,

valutando lo scopo e verificando, eventualmente, un rimborso economico.

  • La responsabilità dei materiali dati in consegna previa ricevuta sarà dell’Associazione o dell’Ente che lo riceve in consegna.
  • Eventuali richieste in deroga a quanto sopra stabilito, dovranno essere autorizzate dalla Regione Emilia-Romagna.

I COORDINATORI VERRANNO NOMINATI DAI REFERENTI QUANDO SI RAVVISA LA NECESSITA’

COMPITI DEL RESPONSABILE DI FUNZIONE

  • Collaborare con il Referente delle emergenza per organizzare i turni di reperibilità.
  • Prendersi cura della manutenzione delle attrezzature in dotazione.
  • Individuare e proporre al Responsabile della formazione eventuali corsi ed esercitazioni.

PER INTERVENTI PIU’ GRAVOSI VERRA’ INSTAURATA LA SALA OPERATIVA.

 

 

 

Sede Amministrativa: Via Ungheria 1 – Tel. 0541-718100  Fax 0541-753108

Sede Operativa: Via Ungheria 1 – Tel.0541-718100

Sala Radio: Tel. Fax 0541-718100

E’ possibile contattarte il coordinamento anche tramite mail, compilando il form seguente:

 


Accettazione privacy